Commenti

Il Nodo di Perugia ombelico di un dibattito dopato

 

Cronache umbre ha pubblicato un articolo molto ben documentato di Michele Guaitini in cui si dimostra come il cosidetto Nodo di Perugia e la sua variante minore, il Nodino, sarebbero opere che oltre a mangiare centinaia di milioni e violentare zone di pregio agricolo e ambientale, non apporterebbero alcun beneficio in termini di snellimento del traffico che imbottiglia la circonvallazione del capoluogo nelle ore di punta; non consentirebbero cioè neanche di raggiungere l’obiettivo dichiarato dai loro fautori. I problemi però non si esauriscono nell’orizzonte delle opere in sé e dei danni che provocherebbero. Ci sono almeno altre tre considerazioni che travalicano questa contingenza e che vale la pena accennare poiché attengono all’assetto della regione nel suo complesso.

La prima riguarda la diffusione delle notizie e la conseguente circolazione delle informazioni e delle idee. La rassegna stampa sulla questione del Nodo trabocca di articoli che decantano le lodi dell’opera sostenendo o riportando l’opinione di chi sostiene che con la sua realizzazione la circonvallazione perugina diventerebbe un paradiso di scorrevolezza. Non è vero; e per la disarticolazione della tesi rimandiamo all’articolo citato. Ma la domanda che ci interessa porre qui è la seguente: com’è possibile questo capovolgimento e questo cammino a senso unico? Accade perché nelle redazioni locali triturate dai ricatti di una crisi verticale, spessissimo non c’è il tempo per vagliare, verificare, mettere in discussione i poteri e ciò che questi sostengono: urge pubblicare, per di più in tempi strettissimi. Questo porta sempre più spesso alla coincidenza della informazione, che è il frutto della mediazione giornalistica, con la comunicazione, che è il prodotto degli uffici stampa. Alle persone che redigono gli articoli, strette nella tenaglia dei tempi corti e della mole di lavoro da svolgere, restano solo le fonti ufficiali a cui abbeverarsi, cioè in questo caso quella dell’assessorato regionale ai Trasporti e della Regione tout court, e delle associazioni di categoria imprenditoriali; tutti favorevoli alla realizzazione di un’opera da cui guadagnerebbero largamente, chi in denaro, chi in posizionamenti. Tutto questo, unito a una accondiscendenza strutturale nei confronti delle stesse fonti ufficiali da parte di una categoria storicamente contigua ai poteri, porta al paradosso di trasformare in presunto rimedio un’opera-sanguisuga di denaro pubblico e ambiente.

La seconda questione, strettamente connessa alla prima, è quella del rapporto tra i poteri, che per definizione perseguono i propri interessi, e la comunità regionale. Senza una sorveglianza competente, indipendente e determinata, per i poteri si aprono praterie sconfinate. La narrazione che viene confezionata quotidianamente dagli uffici stampa e dalle dichiarazioni di cariche politiche o imprenditoriali approda senza vaglio su carta, web, radio e tv contribuendo alla omologazione di un coro pubblico che asseconda la direzione imposta dagli interessi del potere stesso. Ciò fa sì che gli interessi dei singoli poteri vengano sovrapposti a quelli pubblici fino a farli forzatamente coincidere con essi; anche quando dovrebbero confliggerci, come in questo caso.

Il terzo punto è che di questa commistione indigesta, la prima vittima è un dibattito pubblico ammorbato dal vizio di fondo della mancata messa a fuoco delle questioni, fattore che produce scelte pubbliche che non corrispondono all’interesse comune, cioè della maggioranza delle persone. Nel caso di specie ad esempio, la scelta non è solo sul fare o meno un’opera dannosa e inutile per i più e profittevole per pochissimi. C’è in ballo anche l’idea di futuro di una regione. Un futuro che si potrebbe scegliere tra opzioni diverse: continuare a battere la vecchia strada delle vecchie infrastrutture seguendo il pezzo di imprenditoria ad esse legata, o voltarsi verso l’orizzonte necessario dell’innovazione e del cambio di visione in senso ambientale (e digitale) del produrre, del consumare, del viaggiare e del garantire servizi.

Il risultato di quello che è un vero e proprio dopaggio del dibattito, è che mentre tutto intorno si parla di transizione verde e digitale – che sarebbero delle mezze rivoluzioni, se autenticamente perseguite – qui da noi si procede alla cieca, pompando a mezzo stampa un’opera inutile e dannosa. Per di più progettata decenni fa, quando di cambiamento climatico e di paradigma ambientale parlava solo chi andava a protestare contro i G8.

Foto dal profilo Flickr di Blind Fileds

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.