Immagine
Dalla rete
Gruppo d’Intervento Giuridico

La telenovela della superstrada Orte-Civitavecchia

Se si vuol trovare un esempio di come non si realizza un’opera pubblica bisogna proprio pensare alla superstrada Orte – Civitavecchia. Il progetto della strada statale n. 675 “Umbro-Laziale” nasce negli anni ’60 del secolo scorso con la finalità di collegare l’area industriale di Terni con il porto di Civitavecchia.  I primi finanziamenti giungono nel […]

Immagine
Dalla rete
Infobuild

Smart city in Italia: i dati, questi sconosciuti

La smart city in Italia passa anche da qui: sei Comuni su dieci tra quelli che hanno realizzato un progetto di città intelligente non ha usato i dati. Perché non ha le competenze per farlo (nel 67% dei casi), ma anche per mancanza di conoscenza (nel 38%). È un paradosso nazionale: ormai tutti sappiamo che […]

Immagine
Dalla rete
Avvenire

L’Ucraina e la resistenza nonviolenta russa: un nastro verde contro la guerra

In questi giorni di crescente sofferenza quotidiana per gli orrori in Ucraina, mi pare che continui a mancare un’adeguata informazione riguardo la resistenza dei cittadini che in Russia, nonostante tutto e tutti, c’è. La repressione come sappiamo ha sferzato colpi durissimi a chi ha osato manifestare il proprio dissenso, il proprio semplice “no” alla guerra. […]

Immagine
Dalla rete
Centro per la Riforma dello Stato

L’escalation delle parole

Ho vissuto e commentato tutte le guerre che hanno punteggiato il disordine mondiale post-89 da una posizione di minoranza, e spesso di minoranza nella minoranza. Nel 1990 ero contro la Guerra del Golfo, voluta dagli Usa e autorizzata dall’Onu contro Saddam Hussein che si era annesso il Kuwait: l’annessione di Saddam era illegittima, ma la […]

Immagine
Dalla rete
Aur Umbria

Modello umbro e pregiudizio anti-urbano

Siamo ormai entrati in pieno in una fase della programmazione regionale che, per ammontare complessivo e ambizioni dichiarate degli investimenti previsti, si può a ragione definire straordinaria. Gli investimenti, finanziati principalmente con le risorse europee del NextGeneration EU e dei Fondi comunitari relativi al periodo 2021-27, si prefiggono non solo di sostenere la ripresa dopo […]

Immagine
Dalla rete
Il Post

Le domande giuste sono altre

Nelle ultime settimane ci è capitato spesso di essere invitati in scuole di ogni tipo per affrontare il tema della guerra iniziata il 24 febbraio. In molti casi sono stati gli stessi studenti a chiedere una mattinata o un pomeriggio di approfondimento su un tema che li ha colpiti in modo particolarmente forte, soprattutto se […]

Immagine
Dalla rete
Primapagina online

Trasimeno, un piccolo rinascimento industriale?

Doveva essere delocalizzata in Croazia, sarebbe stato così uno dei tanti episodi di desertificazione industriale a cui i Paesi occidentali hanno assistito inermi negli ultimi decenni e invece è rimasta in Italia, in Umbria e più dettagliatamente in Val Nestore. Si tratta della PFC Power, ovvero la nuova azienda diche produce trasformatori, nata dalle ceneri […]

Immagine
Dalla rete
Internazionale

Il racconto della guerra in Ucraina rivela il razzismo occidentale

Il conflitto in corso in Ucraina tra popolazioni slave russe e ucraine, queste ultime appoggiate da una coalizione tribale di nazioni nell’Europa subscandinava, non ha messo in evidenza soltanto la fragilità della pace nel subcontinente devastato dalla pandemia. Ha svelato anche una squallida sfumatura di eccezionalismo razzista con cui molte persone europee e di discendenza […]

Immagine
Dalla rete
Aur Umbria

Poveri giovani

C’è un fenomeno strutturale che sta minando la tenuta sociale ed economica del Paese: oggi i giovani guadagnano molto meno dei loro predecessori e, per questo, sono diventati la generazione più povera. Quelli con meno di 35 anni hanno il reddito pro capite più basso della storia italiana, segnata negli ultimi trenta anni da una […]

Immagine
Dalla rete
A passo d’uomo

Senza cultura non c’è pace

Davide Frattini sul Corriere della Sera e Michele Giorgio su Il Manifesto, qualche tempo fa, raccontavano di tre librerie di Gaza rase al suolo durante i bombardamenti israeliani in risposta al lancio di missili da quei territori. Tre luoghi in cui si potevano comprare libri in arabo e in inglese, ma soprattutto testi, penne, matite […]