Immagine
Dalla rete
Internazionale

Chi, al contrario di Djokovic, resta prigioniero nel Park hotel

“I mesi più duri sono dicembre e gennaio, perché dalle finestre delle nostre stanze al Park hotel vediamo la gente che festeggia con i propri cari l’arrivo di un altro anno in cui noi siamo tenuti lontani dai nostri. Quelli appena passati sono stati il nono Natale e il nono capodanno che ho trascorso da […]