Immagine Commenti

Addio a Tony De Marchi

Valentino Filippetti

Ci ha lasciato Tony De Marchi, un grande. E un amico e compagno. Grande esperto di cose militari, lui scopri “quei minuti buco” nella vicenda di Ustica studiando ogni centimetro dei tracciati radar di Poggio Ballone. Devo a lui la scoperta del web. Avevamo lasciato da poco Rifondazione. Io, Nappi, Di Matteo e Mezza ce […]

Immagine Commenti

In marcia per la pace. Note a margine

Fabrizio Marcucci

Ho marciato per la pace da Perugia ad Assisi, domenica 24 aprile. Era tanto che non manifestavo camminando. Il camminare non è secondario. Negli ultimi tempi sono stati solo sit-in e flash mob, modalità diverse dal corteo che abbraccia un percorso, in questo caso un territorio, addirittura. Il corteo, la marcia, sono come il fiume […]

Immagine Commenti

La guerra, chi la scimmiotta e una proposta indecente

Fabrizio Marcucci

L’esplosione della guerra in Ucraina mi ha provocato un disagio e fatto commettere una viltà. Il disagio è dato dal fatto di non ritrovarmi in questo generalizzato schierarsi con estrema risolutezza di qua o di là (per l’invio di armi agli ucraini oppure no, per la capitolazione di Putin o per una soluzione diplomatica del […]

Immagine Commenti

Una questione di egemonia culturale

Ulderico Sbarra

La cocente sconfitta del centrosinistra alle elezioni regionali del 2019, arrivata dopo le numerose disfatte in importanti municipi dell’Umbria, non ha fatto altro che certificare una morte annunciata. Come era successo fin dalla sconfitta alle comunali di Perugia del 2014, si è continuato a far finta di niente, come se tutto fosse la conseguenza di […]

Immagine Commenti

La scomparsa di Mandarini mette l’Umbria davanti allo specchio

Fabrizio Marcucci

Prologo Claudio Carnieri racconta che quando Pietro Ingrao arrivava in Umbria, erano spesso lui e Francesco Mandarini ad andarlo ad aspettare alla stazione o a condurlo nel luogo in cui si sarebbe poi svolto l’incontro pubblico al quale avrebbe partecipato lo storico leader della sinistra del Pci. Nel tragitto, Ingrao chiedeva loro immancabilmente cosa stessero […]

Immagine Commenti

Scomparsa di Mandarini, il ricordo della Fondazione Pietro Conti

Fondazione Pietro Conti

La Fondazione Pietro Conti apprende con profonda tristezza la notizia della morte di Francesco Mandarini e ne ricorda la grande passione politica, nonché la notevole capacità amministrativa. Dopo un primo periodo di lavoro alla Perugina divenne il riconosciuto rappresentante di tante e tanti giovani lavoratrici e lavoratori che lo elessero negli organi sindacali di base. […]

Immagine Commenti

Contraddizioni ucraine

Pierpaolo Marconi

Il Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl ha tracciato una delle molte vie della solidarietà subito dopo l’esplosione della centrale nucleare in Ucraìna: era il 1986. Negli anni successivi furono decine le famiglie, in varie località dell’Umbria, che accolsero le bambine e i bambini che un gruppo di volenterosi (partendo da Terni) andò […]

Immagine Commenti

Le domande della pace

Fabrizio Marcucci

Mi è capitato di vedere tre bandiere della pace appese in luoghi civili da quando la Russia di Putin ha invaso l’Ucraina. Due davanti a delle scuole, l’altra dentro un supermercato. Nel 2003, quando la Nato decise di bombardare la Serbia con aerei che partivano anche dall’Italia, passeggiando per una qualsiasi delle nostre città ti […]

Immagine Commenti

I corto circuiti della guerra

Red

Domenica 27 febbraio, intervenendo nella trasmissione di Rai 3 “Mezz’ora in più” sulla questione dell’aggressione della Russia all’Ucraina, il leader della Lega, Matteo Salvini, ha rilasciato dichiarazioni impegnative. Più o meno nelle stesse ore, il segretario regionale umbro del suo partito, Virginio Caparvi, ha fatto altrettanto. Se ci si concentra sui particolari, si vedono solo […]

Immagine Commenti

Anatomia di una foto

Fabrizio Marcucci

Questa foto è scandalosa perché lacera la tela del conformismo che rassicura ma ottunde. Ne forza i limiti. È scandalosa perché quei limiti imporrebbero di guardarla secondo i canoni della geografia politica sinistra/destra. Ma ciò significherebbe fermarsi a un primo, superficialissimo livello di lettura. In quel modo rimarremmo tutti nella nostra zona di conforto: quelli […]